Breaking

LA GRAN BRETAGNA CONCEDE IL BIS

PrimaPagina / 27 maggio 2016

Nulla di nuovo sotto il sole di Piazza di Siena. Come lo scorso anno ad aggiudicarsi la Furusiyya FEI Nations Cup™ presented by Longines è stata infatti la Gran Bretagna che porta così a undici il numero di vittorie nell’albo d’oro della Coppa delle Nazioni romana. Non male come bottino per i sudditi di Sua Maestà, dietro  alla Francia (19 vittorie) e all’Italia dei tempi d’oro salda in testa con 27 primi posti.

Come nel 2015 il meraviglioso team britannico ha contato sulla classe e l’esperienza dei fratelli Michael e John Whitaker, il primo in sella a Cassionato e l’altro con Ornellaia, oltre alla concretezza di Ben Maher con lo stallone Tic Tac e alla freschezza dell’appena 20enne Jessica Mendoza in sella al suo Spirit T. La Gran Bretagna ha chiuso così con un totale di sole 4 penalità.

Secondi ex aequo si sono piazzati gli USA e la Francia (12 penalità). A seguire la Germania (14 penalità), l’attesa ma deludente Olanda (20), il Canada (22) e, a chiudere, Svezia e Italia a pari merito con 24 penalità. Dopo una prima manche brillante gli azzurri erano in alto, secondi insieme a un gruppone con licenza di sognare, ma sono crollati nella seconda, mancando ancora una volta l’appuntamento con un piazzamento di rilievo davanti al pubblico di casa.

Il quartetto italiano era composto da Emanuele Gaudiano su Caspar (0/8), Lorenzo De Luca con Ensor de Litrange LXII (4/4), Emilio Bicocchi su Ares (4/16) e Piergiorgio Bucci su Casallo Z (0/8).

Quattro soltanto, su trentadue binomi al via, i doppi percorsi netti: John Whitaker con Ornellaia, l’americano McLain Ward con HH Azur, la francese Penelope Leprevost su Vagabod de la Pomme e la svedese Malin Baryard-Johnsson su H&M Cue Channa.

LE DICHIARAZIONI DEI VINCITORI

John Whitaker
“E’ sempre molto bello vincere, poi Roma è così bella: di certo torneremo ancora e ancora e ancora… ! Noi ci proviamo sempre, ci piace! L’anno scorso è stato un po’ più difficile vincere. Anche allora entravo per ultimo e dovevo assolutamente fare netto per assicurare la vittoria alla squadra. Quest’anno invece potevo permettermi addirittura un errore… la pressione era decisamente minore!”.

Jessica Mendoza
“Questo di Roma adesso è uno dei miei concorsi preferiti! E’ la prima volta che ci vengo e dopo questa vittoria questa sera festeggerò anche io con la squadra.”

 Michael Whitaker
Cassionato è un cavallo di carattere e nel primo giro si guardava molto attorno, ecco perché sono venuti gli errori. Nel secondo giro era più gestibile, ecco spiegato il netto miglioramento.

Di Lampard – capo equipe
Ho un bel problema… quello di scegliere chi mandare alle Olimpiadi di Rio de Janeiro! Abbiamo un gruppo di cavalli e di cavalieri davvero fantastici che renderanno il mio lavoro semplice, ma anche difficile. In ogni caso deciderò dopo Rotterdam.

Classifiche

Foto






Equi-Equipe




Previous Post

ROMA ICONA DELLA COPPA DELLE NAZIONI

Next Post

7 ANNI: VINCE IL TEDESCO MARSCHALL




More Story

ROMA ICONA DELLA COPPA DELLE NAZIONI

Nella conferenza stampa del 'dopo' Coppa' parole importanti sono giunte da John Roche Direttore del Dipartimento salto Ostacoli...

27 May 2016